martedì 25 febbraio 2020

Arrestato consigliere regionale di FdI.

 © ANSA

Scambio elettorale politico-mafioso. Manette al consigliere regionale di FdI Creazzo, appena eletto in Calabria.

Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Domenico Creazzo, eletto nella consultazione elettorale del 26 gennaio scorso e sindaco di Sant'Eufemia d'Aspromonte, è tra le 65 persone arrestate dalla Polizia nell'ambito dell'operazione Eyphemos, contro la 'ndrangheta, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. Le ordinanze di custodia cautelare riguardano capi storici, elementi di vertice e affiliati di un "locale" di 'ndrangheta dipendente dalla cosca Alvaro di Sinopoli, considerata tra le più attive e potenti dell'organizzazione criminale. La Dda, inoltre, ha chiesto l'autorizzazione a procedere per l'arresto del senatore di Forza Italia Marco Siclari, anch'egli coinvolto nell'operazione. 
Per 53 delle persone coinvolte è stata disposta la custodia cautelare in carcere, mentre le restanti 12 sono ai domiciliari. Sono accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, vari reati in materia di armi e di droga, estorsioni, favoreggiamento reale, violenza privata, violazioni in materia elettorale, reati aggravati dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di aver agevolato la 'ndrangheta e di scambio elettorale politico mafioso.
Creazzo "ha coltivato e realizzato - riferiscono in una nota stampa gli investigatori - il progetto di candidarsi e vincere le elezioni regionali del gennaio 2020. A tale scopo si è rivolto alla 'ndrangheta, e in particolare a Domenico Laurendi, dapprima attraverso il fratello Antonino Creazzo, in grado di procacciare voti, in cambio di favori e utilità, grazie alle sue aderenze con figure apicali della cosca Alvaro e poi direttamente, al fine di sbaragliare gli avversari politici".
Anche per Siclari l'ipotesi di reato è scambio elettorale politico-mafioso. A mettere in contatto il parlamentare con Laurendi sarebbe stato Giuseppe Galletta Antonio, medico ed ex consigliere provinciale di FI a Reggio Calabria. "Con l'intermediazione di Galletta - scrivono gli inquirenti - Siclari accettava la promessa di procurare voti da parte del Laurendi in cambio di soddisfare gli interessi e le esigenze della associazione mafiosa. Tra i primi vantaggi ottenuti su richiesta del clan, il trasferimento di Annalisa Zoccali, parente di Natale Lupoi, cognato degli Alvaro, una dipendente delle Poste italiane, a Messina. Con l'aggravante del fatto che Marco Siclari, a seguito dell'accordo, era stato eletto nella relativa consultazione elettorale politica".
Siclari è stato eletto al Senato nel collegio uninominale n.4 della Calabria con una percentuale del 39,59%, riuscendo ad ottenere a Sant'Eufemia d'Aspromonte 782 voti, pari al 46,10%, mentre nel limitrofo Comune di Sinopoli 435 voti, pari al 63,41%. 
Tra gli arrestati ci sono poi il vicesindaco e il presidente del Consiglio comunale di Sant'Eufemia d'Aspromonte, Cosimo Idà e Angelo Alati. Il vicesindaco Idà, in particolare, secondo l'accusa, avrebbe svolto il ruolo di capo, promotore ed organizzatore dell'associazione mafiosa, artefice di diverse affiliazioni che avevano determinato un forte attrito con le altre componenti del "locale" di 'ndrangheta eufemiese e l'alterazione degli equilibri nei rapporti di forza tra le varie fazioni interne. Alati, invece, è indicato quale mastro di giornata della cosca. Ci sono poi il responsabile dell'Ufficio tecnico comunale, Domenico Luppino, ingegnere, referente della cosca in relazione agli appalti pubblici del Comune; e Domenico Forgione, inteso "Dominique", consigliere comunale di minoranza, che aveva il compito, secondo l'accusa, di monitorare gli appalti del Comune per consentire l'infiltrazione da parte delle imprese riconducibili alla 'ndrangheta.
Quelli del m5s migrano negli altri partiti, quelli degli altri partiti migrano nelle patrie galere... C.

Coronavirus: sette le vittime in Italia, crescono ancora i contagiati. Turista bergamasca positiva a Palermo.

Risultato immagini per turista bergamasca a palermo

Stop gite e uscite scolastiche fino 15/3. Esperti Ue, rischio alto in aree focolaio.

E' risultata positiva al coronavirus la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata nell'ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. Lo conferma la Regione siciliana che dice: "Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone". E' stata disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.
In campo l'esercito nella zona rossa del Lodigiano - Sono passati da 15 a 35 i check point che presidiano la parte del Lodigiano interessata dall'emergenza coronavirus. Lo riferisce il capitano Michele Capone, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Lodi. L'ufficiale spiega che "i check point sono sensibilmente aumentati sul perimetro della cinturazione e alcuni sono stati allestiti anche all'interno della zona rossa". Sul posto è arrivato anche personale dell'Esercito.
Negativi casi sospetti in Val d'Aosta - "Al momento non esistono casi di coronavirus, nemmeno sospetti, in Valle d'Aosta". Lo comunica il Governo della Regione autonoma Valle d'Aosta dopo i risultati, giunti stanotte, degli esami sui tamponi dei sei casi sospetti che sono stati eseguiti in laboratori di Milano e Torino. "Tutti i test hanno dato esito negativo", si legge in una nota. L'emergenza coronavirus è gestita da un'unità di crisi istituita dalla Protezione civile, con l'Usl della Valle d'Aosta e con la Centrale unica del soccorso.

Pianeta in corsa sull’orlo della distruzione. - Maura Sandri


Impressione artistica di un gioviano caldo in orbita vicino a una stella. Crediti: Università di Warwick / Mark Garlick.

Gli astronomi dell'Università di Warwick hanno scoperto un esopianeta che orbita attorno a una stella in poco più di 18 ore, a una distanza che è solo il doppio del diametro della stella. Si tratta del periodo orbitale più breve mai osservato per un gioviano caldo. Tutti i dettagli su Mnras.
Gli astronomi dell’Università di Warwick hanno osservato un esopianeta che orbita attorno a una stella in poco più di 18 ore. Si tratta del periodo orbitale più breve mai osservato per un gioviano caldo, un gigante gassoso simile per dimensioni e composizione a Giove: un anno su questo pianeta trascorre in meno di un giorno terrestre!
La scoperta è descritta in un nuovo articolo pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society e gli scienziati ritengono che permetterà di capire se tali pianeti stiano andando incontro alla distruzione, cadendo verso i loro soli, oppure no.
Il pianeta in questione, chiamato Ngts-10b, si trova a circa 1000 anni luce di distanza dalla Terra ed è stato scoperto nell’ambito del Next-Generation Transit Survey (Ngts), una survey con l’obiettivo di rilevare esopianeti con dimensioni fino a quelle di Nettuno, usando il metodo dei transiti, che comporta l’osservazione delle stelle per rivelare un calo di luminosità, indice del passaggio del pianeta davanti alla stella.
In qualsiasi momento, la survey Ngts osserva 100 gradi quadrati di cielo, analizzando la luce di circa 100mila stelle. Di quelle 100mila stelle, questa in particolare ha attirato l’attenzione degli astronomi, a causa delle frequenti diminuzioni della sua luce causate dal pianeta che gli orbita intorno molto rapidamente.
«Siamo entusiasti di annunciare la scoperta di Ngts-10b, un pianeta delle dimensioni paragonabili a quelle di Giove, che orbita attorno a una stella non molto diversa dal Sole con un periodo estremamente breve», dice il primo autore dello studio, James McCormac, dell’Università di Warwick. «Siamo inoltre lieti che Ngts continui a spingere i confini della scienza che studia gli esopianeti, trovati con il metodo dei transiti, verso la scoperta di rare classi di pianeti extrasolari».
«Sebbene i gioviani caldi con brevi periodi orbitali (meno di 24 ore) siano i più facili da rilevare a causa delle loro grandi dimensioni e dei transiti frequenti», continua McCormac, «si sono dimostrati estremamente rari. Delle centinaia di gioviani caldi attualmente conosciuti, ce ne sono solo sette che hanno un periodo orbitale inferiore a un giorno».
Ngts-10b orbita così rapidamente perché è molto vicino al suo sole, a una distanza che è solo il doppio del diametro della stella. Prendendo come riferimento il nostro Sistema solare, è come se il pianeta fosse 27 volte più vicino al Sole di quanto lo sia Mercurio. Gli scienziati hanno notato che è pericolosamente vicino al punto nel quale le forze mareali della stella potrebbero distruggerlo.
Il pianeta probabilmente ha rotazione e rivoluzione sincrone, con un lato costantemente rivolto verso la stella e quindi molto caldo: gli astronomi stimano che la temperatura media sia superiore a 1000 gradi Celsius. La stella stessa è circa il 70 per cento del raggio del Sole e 1000 gradi più fredda, ossia circa 4000 gradi. Ngts-10b è anche un ottimo candidato per il James Webb Space Telescope, che potrà caratterizzarne l’atmosfera.
Usando la fotometria di transito, gli scienziati sanno che il pianeta è il 20 per cento più grande di Giove ed è solo due volte più massiccio, in accordo con le misure della velocità radiale, ed è osservato in un momento della sua vita che indubbiamente potrà aiutarci a rispondere alle domande sull’evoluzione (e la fine) di pianeti simili. I pianeti così grandi si formano in genere lontano dalla stella e poi migrano attraverso interazioni con il disco mentre si stanno ancora formando, o attraverso interazioni con ulteriori pianeti più evoluti. Gli astronomi si propongono di monitorare accuratamente Ngts-10b nel tempo, e continueranno a osservarlo nel prossimo decennio per determinare se rimarrà in questa orbita o spiraleggerà verso la stella, andando incontro alla sua morte.
«Si pensava che questi pianeti con orbite ultra-strette migrassero dai confini esterni dei loro sistemi solari e alla fine venissero consumati o distrutti dalla stella», aggiunge David Brown, coautore del lavoro. «O siamo stati veramente molto fortunati a catturarlo in questo breve periodo di tempo, oppure i processi attraverso i quali il pianeta migra verso la stella sono meno efficienti di quanto possiamo immaginare, nel qual caso è ragionevole pensare che possa vivere in questa configurazione per un periodo di tempo più lungo».
«Nei prossimi dieci anni, potrebbe essere possibile vedere questo pianeta spiraleggiare verso la stella», conclude Daniel Bayliss. «Saremo in grado di utilizzare Ngts per monitorare questo pianeta per oltre un decennio. Se vedessimo il periodo orbitale iniziare a diminuire e se il pianeta iniziasse a spiraleggiare, saremmo in grado di capire molti dettagli della sulla struttura che ancora non conosciamo».
«Tutto ciò che sappiamo sulla formazione dei pianeti ci dice che stelle e pianeti si formano nello stesso tempo. Il miglior modello che abbiamo suggerisce che la stella abbia circa dieci miliardi di anni e supponiamo che lo stesso valga per il pianeta. O lo stiamo vedendo nelle ultime fasi della sua vita, oppure in qualche modo è in grado di vivere in queste condizioni più a lungo di quanto dovrebbe».

Amenità.





lunedì 24 febbraio 2020

Amenità.





Ci fosse stato lui. - Bartolomeo Prinzivalli



Avete visto cosa c’è costato non darGli pieni poteri ad agosto? Adesso ci becchiamo pure il coronavirus!
Colpa di un governo di scellerati che ha permesso di far entrare e circolare liberamente cani e porci, africani e cinesi, persino lombardi atletici che lavorano per multinazionali, vanno a cena con gli amici e a farsi visitare dai dottori con le mogli incinte, cose di un altro mondo, invece di issare una cupola isolante che avrebbe reso l’Italia una camera sterile. Incompetenti! Ci fosse stato Lui sarebbe tutta un’altra storia, avrebbe bloccato tutto: navi e aerei, treni e autobus, pure monopattini e pedalò, forse addirittura taxi e risciò. Ogni porto sarebbe stato presidiato da Lui, allontanando qualsiasi imbarcazione con un rutto e invertendo persino le correnti all’occorrenza, data la Sua inumana versatilità. I pazienti sarebbero stati curati in casa via citofono da Lui medesimo, o al massimo avrebbe mandato la Madonna in Sua vece; in caso di epidemia diffusa avrebbe approntato una diretta Facebook con rosario sbaciucchiato in mano per la guarigione di massa. Per gli untori stranieri nessuna pietà, avrebbe indetto la legge marziale con diritto di sparare a vista per grave turbamento, ma in tempi di pandemia psicotica pure un peto potrebbe rappresentare una minaccia e quindi giustificare una fucilata in piena faccia o alle spalle, l’importante è gridare “la pacchia è strafinita” mentre si preme il grilletto, altrimenti è omicidio.
Invece c’è Conte che parla di situazione sotto controllo senza nemmeno tanta convinzione, e Speranza che pare caduto dal pero di faccia, a volo d’angelo, e la gente è terrorizzata. Se non sono capaci di difenderci si dimettano e diano spazio a chi le capacità le ha tutte, a Lui: uno che è riuscito a sconfiggere la mafia con due bracciate in piscina, un paio di post a blitz in corso e qualche smargiassata in piazza cosa vuoi che tema da un virus? Quello all’epidemia cinese ride in faccia, se la magna come fosse un barattolo di Nutella o un’impepata di cozze o entrambi assieme, mandandole bacioni per poi darla in pasto ai suoi adepti che la blasterebbero sui social con una sfilza di improperi che levate, toccandole la madre, il padre, la zia in carriola e tutti i parenti fino alla settima generazione, con gli occhi a mandorla e non. Il povero virus avrebbe i minuti contati, altroché.
No, non è più tempo di aspettare, dobbiamo andare al voto domani stesso.
Dai, accalchiamoci dentro i seggi dove si respira aria di cambiamento, inaliamo i germi della rinascita a pieni polmoni, e facciamo davvero un grande favore a questo Paese…

domenica 23 febbraio 2020

Semprefresco -

L'immagine può contenere: pizza, tabella e cibo, il seguente testo "SEMPREFRESC"

Oggi a Palermo giornata primaverile; naturalmente, chi vive già in collina desidera vedere altro. Quindi mi sono recata in centro città, dove si dice che si trovano posticini nei quali si può mangiare da dio. Io il posticino lo conoscevo già, perché ci lavora mio genero, ma voglio proporlo anche a voi, se avrete voglia di gustare specialità gastronomiche davvero gradevoli per il palato, tenendo in giusta considerazione anche genuinità dei prodotti e gusto.
Il posto si chiama "Semprefresco", sito in Via sant'Euno, 5, nei pressi della Magione, voluto e creato da un tedesco che vive a Palermo, dove insegna, ed è innamorato sia delle usanze che della cucina siciliana. Ha trovato soci che hanno creduto in lui, ragazzi che hanno frequentato corsi per imparare a cucinare ed è partito. Il suo motto è usare prodotti genuini, igiene assoluta e voglia di accontentare chi sceglie di utilizzare i suoi prodotti.
Qui allego foto del posto in cui è ubicato il ristorante, e parte di ciò che preparano.
https://www.facebook.com/semprefrescolab/









sabato 22 febbraio 2020

A Nahal Hemar 9000 anni fa usavano la colla. - Luke Scintu



Nahal Hemar è un sito archeologico in Israele nonché una cava datata dal carbonio 14  8310 a.C. Situato su una scogliera vicino al Mar Morto a nord-ovest del Monte. La grotta è stata scavata nel 1983 da Ofer Bar-Yosef e David Alon, dell'Università di Harvard e  della Israel Antiquities Authority. Quello che rende speciale questo luogo sono i reperti ritrovati, e utensili incollati con della vera colla di 9000 anni fa.

Nella grotta sono stata rivenuti oggetti di uso quotidiano come:  cestini corda, tessuti ricamati,  punte di freccia in legno, e ossa e utensili di selce e oggetti rituali, tra cui maschere in pietra vecchie di 9000 anni prima di Cristo, ora in mostra  a Gerusalemme e teschi umani decorati. Tutto questo è sufficiente per capire la grandiosità di questo luogo.

Risultato immagini per Nahal Hemar

Risultato immagini per Nahal Hemar

Risultato immagini per Nahal Hemar

In aggiunta al materiale artefatto-associato, sono stati trovati piccoli pezzi di collagene. Lo studio ha  suggerito che il collagene è un derivato da pelli di animali. La grotta doveva essere una vera dimora e rifugio per alcune famiglie. La gente era solita disegnare sui teschi umani, grazie al  collagene che rivestiva la superficie e il clima secco della regione di Nahal Hemar ha conservato perfettamente tutti questi reperti storici.

Un adesivo a base di collagene fu usato anche dagli Egizi circa 4000 anni fa come legante nella pittura e colla nella costruzione di mobili in legno. Ancora gli storici non si spiegano come possibile che all'interno di Nahal Hemar abbiano vissuto un agglomerato di persone  di 9000 anni fa in grado di conoscere tecnologie di 4000 anni più tardi.  Il collagene del sito israeliano fu integrato con il tessuto vegetale per dargli quella consistenza desiderata

Ancora non ci sono fonti certe di come possibile le persone del neolitico concepirono la scoperta della colla. Quel che è certo che 10000 a.C c'è un buco profondo per quel che riguarda la storia dell'uomo.

Scoperta la prima molecola di ossigeno fuori dalla Via Lattea. - Viola Rita

ossigeno
Markarian 231 (foto: Nasa, Esa, the Hubble Heritage (STScI/Aura)-Esa/Hubble Collaboration e A. Evans – University of Virginia, Charlottesville/Nrao/Stony Brook University).

Per la prima volta gli scienziati hanno rilevato la presenza di ossigeno in molecole (nella sua forma molecolare O2) al di fuori della Via Lattea. E precisamente nella galassia Markarian 231 (Mrk 231), a 581 milioni di anni luce da noi, che nel suo centro contiene la quasar a noi più vicina – le quasar sono nuclei galattici attivi estremamente luminosi. L’ossigeno è il terzo elemento più abbondante nell’universo e conoscere meglio dove e come si presenta il gas molecolare di O2 è essenziale per studiare diversi fenomeni astronomici. I risultati sono pubblicati su The Astrophysical Journal.

L’ossigeno molecolare, difficile da rilevare.

L’ossigeno è sul podio, al terzo posto dopo idrogeno e elio, per abbondanza nell’universo. Sino ad oggi l’ossigeno nella forma molecolare è stato rilevato nella Nebulosa di Orione, una delle nebulose più brillanti nel cielo notturno. Un’ipotesi è che buona parte dell’ossigeno nello spazio sia legato ad idrogeno e si presenti sotto forma di acqua ghiacciata che si lega a particelle di polvere.
In generale, lo studio della distribuzione dell’ossigeno nella nostra galassia è complesso. “Manca ancora una fotografia dettagliata della chimica dell’ossigeno in diversi ambienti interstellari”, scrivono gli autori nel paper. E questo anche a causa del fatto che l’atmosfera terrestre può influenzare la possibilità di rilevarlo. Il problema dell’interferenza dell’atmosfera terrestre si risolverebbe qualora si andasse a studiare la presenza di ossigeno al di fuori della nostra galassia, dato che a causa di complessi fenomeni fisici questa interferenza verrebbe meno.
Tuttavia, rintracciarlo rimane comunque molto complicato e, nonostante ripetute osservazioni, ad oggi gli scienziati non c’erano riusciti. Soltanto ora per la prima volta il gruppo, coordinato dallo Shangai Astronomical Observatory dell’Accademia cinese delle scienze, ha annunciato di averlo avvistato al di fuori della Via Lattea, nella galassia Markarian 231.

Il rilievo.

Il gruppo di ricerca ha svolto le osservazioni dall’agosto 2015 al dicembre 2017, con il telescopio Iram, un radiotelescopio dal diametro di 30 metri che si trova in Sierra Nevada e che è secondo per dimensioni della parabola soltanto al Large Millimeter Array, insieme con l‘interferometro Noema, uno strumento situato sulle Alpi francesi, costituito da 12 radiotelescopi dal diametro di 15 metri. In particolare, l’ossigeno molecolare è stato identificato a 32.600 anni luce di distanza dal centro della galassia, ovvero in prossimità della quasar nel nucleo della galassia, la quasar più vicina a noi.

Dalle quasar all’Universo.

L’emissione potrebbe essere causata dall’interazione fra la fuga di gas molecolare dal nucleo galattico e quello presente nelle nubi molecolari del disco esterno, come spiegano gli autori nello studio. In particolare, le quasar sono nuclei galattici attivi estremamente brillanti, con una luminosità anche migliaia di volte più alta rispetto a quella riscontrata nella Via Lattea. Per questo, studiare le emissioni di questi nuclei è importante per comprendere le evoluzione di queste galassie e avere informazioni in più sull’universo. “Questo primo rilievo di ossigeno molecolare extragalattico”, concludono gli autori, “fornisce uno strumento ideale per studiare la fuoruscita di gas molecolare dal nucleo galattico attivo su scale di tempo dinamiche di decine di milioni di anni”.

4 BENEFICI del PEPERONCINO.


Il peperoncino fa bene al cuore: verità o falso mito? Ecco la risposta
Il peperoncino è una pianta aromatica utilizzata sin dall’antichità. Fu Cristoforo Colombo a trasportare questa preziosa pianta dall’America Centrale in Spagna, permettendone così la diffusione in tutta Europa.
Fa parte della famiglia delle Solanacee e in particolare del genere Capsicum. I frutti di questa pianta possono essere raccolti in estate o a inizio autunno, in base alla varietà coltivata, ed essere utilizzati in cucina sia freschi che secchi, restando così disponibili tutto l’anno.
Esistono in natura moltissime specie di peperoncino, da quelli più dolci a quelli più piccanti. La piccantezza del frutto, che dipende dalla quantità di capsaicina contenuta, viene misurata dalla scala di Scoville. Tra i peperoncini più piccanti e più conosciuti possiamo ricordare l’habanero, mentre le varietà cayennacalabrese e jalapeno messicano sono considerate solo moderatamente piccanti.
La peculiarità del frutto è proprio la piccantezza al palato, conferita dalla capsaicina, che non è concentrata nei soli semi, ma si trova nella cosiddetta placenta, ovvero la membrana interna di colore bianco cui i semi sono attaccati.

4 AZIONI BENEFICHE DELLA CAPSAICINA

  1. Ha attività vasodilatatrice locale e migliora la circolazione sanguigna, oltre a migliorare la salute del cuore. Attualmente l’abitudine a consumare cibo piccante sembra infatti essere collegato a un minor rischio di ischemie e ipertensione.
  2. Ha effetto antidolorifico, grazie alla sua capacità di interferire con i nervi sensoriali cutanei nella trasmissione dello stimolo doloroso. Degli studi hanno infatti approvato l’utilizzo di preparazioni contenenti capsaicina per il trattamento del dolore, in particolare quello di tipo neuropatico, e in alcuni casi anche nei reumatismi. Per questi dolori esistono anche preparazioni in forma di crema a base di capsaicina.
  3. È capace di innescare la perdita di peso, accelerando il metabolismo. In alcuni studi la somministrazione di peperoncini ha comportato una riduzione del grasso addominale e una conseguente diminuzione del peso totale. In aggiunta a questo effetto dimagrante, si è osservata anche una diminuzione dei livelli ematici di colesterolo, trigliceridi e glucosio in alcuni studi su animali.
  4. Possiede proprietà antibatteriche che possono influire sulla flora intestinale, e possono aiutare nel trattamento dell’Helicobacter Pylori.

LE ALTRE SOSTANZE NEL PEPERONCINO

  • Vitamina C: questa vitamina dalle proprietà antiossidanti che, come sappiamo, è fondamentale per il nostro sistema immunitario, è coinvolta nella sintesi del collagene ed è importante per l’assimilazione del ferro da parte dei globuli rossi. Il peperoncino è ricchissimo di vitamina C, 100 gr di questo frutto piccante ne contengono ben 229 milligrammi, contro i 50 dell’arancia. Un peperoncino da 10 gr può contenere quindi fino al 30% del fabbisogno giornaliero di vitamina C di un uomo adulto. Attenzione però ai peperoncini secchi, il cui contenuto di questa vitamina risulta praticamente nullo a causa della sua volatilità.
  • Vitamina A: importante per il corretto funzionamento del sistema visivo, per il mantenimento delle cellule epiteliali intestinali e per il funzionamento del sistema immunitario e genitale.
  • Vitamina E: un altro antiossidante naturale presente nel peperoncino che contribuisce al mantenimento dell’integrità cellulare.
  • Sali minerali tra cui calcio, rame e potassio, oltre a carotenoidi, bioflavonoidi e lecitina. Inoltre è povero di calorie, ne contiene circa 30 ogni 100 gr.

CURIOSITÀ

Il sapore piccante del peperoncino è dato dall’azione della capsaicina sui recettori della lingua. Per smorzare il bruciore dato dal peperoncino è inutile ingurgitare tanta acqua: la capsaicina è infatti solubile in alcool o grasso, in particolare la caseina, è per questo che è molto utile mangiare formaggio, una salsa allo yogurt o sorseggiare un po’ di latte. Ed ecco spiegato perché nella cucina messicana, molto speziata e piccante, si usa accompagnare i pasti con la panna acida, così come nella cucina indiana le pietanze sono accompagnate dal lassi, bevanda a base di yogurt. 

Spostando l’asteroide più in là. - Luca Nardi


La traiettoria di Apophis nel suo passaggio ravvicinato 
del 2029. Il trattino bianco indica l’incertezza sulla 
posizione del perigeo. Crediti: Nasa

Un team del Mit ha delineato una mappa che permette di agire in tempo per scongiurare l'impatto di asteroidi sulla Terra, spostandoli dalla loro orbita prima che – imboccando la cosiddetta “serratura gravitazionale” – si indirizzino sulla via del non ritorno. Lo studio, pubblicato su Acta Astronautica, apre nuove prospettive nell'ambito della difesa planetaria.
Apopi, il dio-serpente che incarnava il male e il caos nel pantheon degli antichi egizi, ha dato il nome a un asteroide dalle dimensioni della Torre Eiffel che passerà vicino al nostro pianeta nel 2029.
Si chiama 99942 Apophis, ed è stato scoperto nell’ormai lontano 2004. Inizialmente scatenò il panico: il 13 aprile del 2029 avrebbe avuto il 2,7% di probabilità di impatto, e sette anni dopo, nel passaggio ravvicinato del 2036, questa probabilità sarebbe cresciuta notevolmente portando (forse) l’apocalisse al di fuori delle pagine bibliche.
Successive misure più precise hanno poi ridimensionato il pericolo. Nel 2029 Apophis passerà sì vicino alla Terra, ma a una distanza di 31.200 chilometri dalla nostra bella superficie planetaria. È meno dell’altitudine a cui orbitano i satelliti per le telecomunicazioni più lontani, ma è comunque abbastanza per dormire sonni tranquilli, almeno per i prossimi anni.
Sì, perché anche se l’ira del dio Apophis non si scatenerà su di noi, non è escluso che tra qualche anno il problema si ripresenti nuovamente in forma simile, o potenzialmente peggiore.
In una ricerca del Massachusetts Institute of Technology (Mit) pubblicata su Acta Astronautica si delineano alcune linee guida su quali strategie potrebbero essere più efficaci per deflettere un asteroide in arrivo. Queste strategie devono prendere in considerazione la massa e la velocità degli asteroidi, oltre al loro passaggio nelle prossimità di una cosiddetta gravitational keyhole (serratura gravitazionale), la regione in cui l’influenza gravitazionale del pianeta modifica l’orbita dell’asteroide indirizzandolo verso l’impatto nelle orbite successive. Un altro fattore da prendere in considerazione è ovviamente la tempistica con cui si viene a conoscenza dell’imminente impatto.

L’asteroide Apophis. Crediti: University of Hawaii’s Institute for Astronomy
I ricercatori hanno applicato il loro metodo proprio ad Apophis, ma anche a Bennu, l’asteroide obiettivo di Osiris-Rex, costruendo una sorta di mappa per decidere quale missione di difesa planetaria possa essere ottimale per questi due asteroidi.
«In genere, si considerano soprattutto le strategie per una deflessione all’ultimo minuto, quando l’asteroide è già passato nel keyhole e si trova in rotta di collisione con la Terra», dice Sung Wook Paek, il primo autore dello studio. «Io sono interessato a prevenire un passaggio nel keyhole ben prima dell’impatto con la Terra.»
Le strategie per la deflessione di asteroidi nello spazio includono la più classica – e controversa – detonazione nucleare e l’utilizzo di impattori cinetici. Questi ultimi sono sonde o missili che possono modificare l’orbita dell’asteroide semplicemente colpendolo, così come fanno le palle da biliardo durante uno scontro. Per essere efficaci occorre però selezionare opportunamente la velocità, il luogo di impatto e la composizione dell’impattore, e per farlo è richiesto conoscere il più precisamente possibile le caratteristiche dell’asteroide e della sua orbita.
Per questa ragione, nelle missioni considerate nel lavoro del Mit i lanci da terra devono essere due: una prima sonda ha il compito di misurare da vicino le caratteristiche dell’asteroide così da massimizzare la possibilità di successo dell’impattore, lanciato in un secondo momento. In un altro scenario le sonde del primo lancio possono essere due: la prima misura le caratteristiche dell’asteroide mentre la seconda lo colpisce spostandolo leggermente dalla sua traiettoria.
Quest’ultimo caso, per esempio, è quello che potrebbe essere adottato nel caso in cui un asteroide come Apophis rischi di passare nel suo keyhole a cinque anni dalla scoperta. Se il passaggio avviene tra i due e i cinque anni, ci sarebbe il tempo solo per una prima sonda prima del lancio dell’impattore. Se il passaggio nel keyhole dovesse avvenire entro un anno dalla scoperta dell’asteroide, potrebbe essere invece troppo tardi per intervenire con questa modalità e bisogna ideare un altro modo per affrontare il problema.
Il tema della difesa planetaria dall’impatto di asteroidi non ammette miopia: quando verrà il momento dovremo essere preparati.

venerdì 21 febbraio 2020

Amenità.





"Virus mortale creato a Wuhan", la profezia in un thriller del 1981.

"The eyes of darkness", 40 anni fa la "profezia" di Dean Koontz

Di un caso analogo parlò lo scrittore americano Dean Koontz in "Eyes of darkness", che racconta di uno scienziato cinese fuggito negli Stati Uniti con lʼarma biologica creata in laboratorio.


Un libro scritto nel 1981 anticipò la vicenda del coronavirus, raccontando di una malattia letale creata in un laboratorio cinese, proprio a Wuhan, da cui l'epidemia è realmente partita e si è diffusa nel mondo. Si tratta di un thriller, "The eyes of darkness", firmato dallo statunitense Dean Koontz.

L'arma 'Wuhan-400' nel libro-profezia - Quello di Koontz sembra insomma una sorta di "libro-profezia": il protagonista è "uno scienziato cinese di nome Li Chen" che fugge negli Stati Uniti con "una copia su dischetto dell'arma biologica cinese più importante del decennio". Un'arma battezzata "Wuhan-400" proprio perché viene sviluppata nei laboratori vicini alla metropoli cinese ed è "il quattrocentesimo ceppo vitale di microorganismi creato in quel centro di ricerca". Lo scrittore definisce Wuhan-400 "un'arma perfetta" perché "colpisce solo gli esseri umani". E ancora, nel suo romanzo Koonts parla di "una grave polmonite che intorno al 2020 si diffonderà in tutto il mondo, in grado di resistere a tutte le cure conosciute". 

Solo coincidenze? - A sottolineare le analogie tra il thriller e le notizie sull'epidemia è sul suo blog il giornalista informatico Paolo Attivissimo, che scrive: "E' pressoché inevitabile che tra i milioni di storie scritte prima o poi qualcuna ci azzecchi (le caratteristiche del Wuhan-400 divergono fortemente da quelle del coronavirus). Oltretutto Koontz ha pubblicato più versioni del suo romanzo cambiandone i dettagli. In quella originale, uscita nel 1981, non si parla di Wuhan ma della città sovietica di Gorki, e del virus Gorki-400. Divenne Wuhan nell'edizione del 1996", quando l'Unione sovietica non esisteva più e "la Cina sembrava una fonte più credibile". Attivissimo fa poi riferimento alla premonizione della tragedia del Titanic nel romanzo del 1898 "The wreck of the Titan" di Morgan Robertson, che descrisse un transatlantico che affondava nel nord dell'oceano Atlantico dopo essersi scontrato con un iceberg. Nella versione originale però il titolo era Futiliy e la nave di dimensioni minori rispetto a quella della vicenda. 

https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/virus-mortale-creato-a-wuhan-la-profezia-in-un-thriller-del-1981_15061628-202002a.shtml?fbclid=IwAR3Ec4zD8i6sfkvMY4R3yKAb_hKKpAQt6EdiLLnssHpVJkt0eYFplRVPIEE

L'INCREDIBILE RENZI - Viviana Vivarelli.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Faccio fortemente fatica a capire cosa spinga un italiano a votare o sostenere Renzi.
Fin dal suo primo apparire ha dichiarato di voler annullare totalmente lo stato sociale privatizzando a 360° tutti i servizi pubblici, in preda a un raptus di neoliberismo così feroce che non esiste nemmeno negli Stati uniti dove un embrione di stato sociale almeno nella sanità esiste.
Ha distrutto i diritti dei lavoratori e calpestato i sindacati con un Jobs Act che è stato dichiarato illecito persino dalla Corte europea che certo socialista non è, nell'intento. di precarizzare tutto il lavoro, senza nemmeno tener conto che se non hai un lavoro fisso le banche un mutuo non te lo danno nemmeno se sei un mafioso.
Ha eliminato l'articolo 18 che vietava i licenziamenti senza giusta causa.
Ha depenalizzato 120 reati e a ha reso una burletta la legge penale mandando libero chiunque avesse non più di 5 anni di pena.
Ha regalato i nostri porti come porti 'unici' a tutti i migranti del Mediterraneo.
Ha regalato una parte del nostro mare e un'altra l'ha ceduta alle trivelle.
Ha offerto l'Italia come cavia alle multinazionali dei farmaci per imporci 12 vaccini obbligatori per cui siamo già a 25.000 indennizzi riconosciuto dallo Stato per danni conseguenti ai vaccini.
Ha eliminato un diritto elettorale (presidenti di Provincia) e voleva eliminare anche l'elezione popolare dei senatori.
Ha tentato uno stupro costituzionale che avrebbe portato la nostra repubblica parlamentare a diventare presidenziale con una diminuzione della democrazia e un accentramento dei poteri sulla figura di uno solo.
Vorrebbe eiliminare il reddito minimo di cittadinanza che ha dato una boccata di ossigeno a 2 milioni e 200.000 poveri. E anche la pensione di cittadinanza che ha alzato le pensioni sociali a 780 euro per chi non ha nulla.
Vorrebbe eliminare le pensioni di reversibilità.
E' contro il salario minimo.

E' anche contro il blocco della prescrizione, la riduzione dei parlamentari e l'abolizione dei vitalizi.
Quasi tutti i suoi collaboratori hanno guai con la giustizia senza parlare della sua famiglia o del padre che probabilmente usava il nome del figlio per scambio di influenze e senza parlare della sua fondazione su cui gravano forti sospetti della magistratura che le mazzette fossero scambiate con cariche.
Ha soldi che gli nascono in tasca in modo misterioso mentre gira il mondo come procacciatore di affari, ovviamente per retribuito.
La sua famiglia ha rapporti con la massoneria che gli fa da consigliori.
Non è mai stato di sinistra, ora 
si dichiara di centro ma vota sempre con la destra. E con Salvini e Berlusconi ha fatto l'oscena legge elettorale del Rosatellum che abolisce il premio di maggioranza e costringe il partito che arriva primo a coalizioni difficili e contro natura con altri partiti. E questa legge l'ha fatta con Salvini e Berlusconi per andare con loro.

Appena fatto il Governo, se ne è separato con un partito 'di centro' che ora tende verso destra anche se, quando governava come segretario e presidente del Pd, ha fatto solo leggi di estrema destra, ubbidendo per interesse al peggio del peggio della Troika, secondo quella austerità e contrazione dei diritti che ha portato al fallimento la Grecia.
Ha aumentato il debito pubblico di 200 miliardi e in qualunque ruolo sia stato ha buttato soldi dei cittadini in spese inutili e sospette come i 198 milioni di leasing per un aereo che da solo ne vale 7 e che non è mai stato usato.
Per avendo nei sondaggi tra il 3 e il 5% di consensi, ricatta ogni giorno il governo minacciando di farlo cadere, il che rende la situazione politica molto instabile, ci aumenta lo spread e ci fa calare delle valutazioni delle agenzie di rating mentre allontana gli investitori internazionali.
L'unica cosa che si può concludere è chi lo appoggia vuole solo il male dell'Italia.

Renzi querela Travaglio.


https://www.facebook.com/photo.php?fbid=848083532323468&set=a.138143269984168&type=3&theater