sabato 6 luglio 2019

Migranti, El Diario: “Governo spagnolo minaccia Open Arms con multe fino a 900mila euro se proseguono i salvataggi”.

Migranti, El Diario: “Governo spagnolo minaccia Open Arms con multe fino a 900mila euro se proseguono i salvataggi”


In un documento in possesso del quotidiano iberico, il direttore generale della Marina Mercantile ha inviato un messaggio al capitano della nave impegnata nel salvataggio di migranti nel Mediterraneo centrale elencando le possibili conseguenze in caso di violazione delle direttive.

Fino a 900mila euro di multa in caso di altri salvataggi nel Mediterraneo. È quanto, secondo El Diario, il governo di Madrid ha minacciato di infliggere alla ong spagnola Proactiva Open Arms nel caso in cui decidesse di “violare il blocco dell’esecutivo” socialista di Pedro Sánchez.  In un documento in possesso del quotidiano iberico, il direttore generale della Marina Mercantile ha inviato un messaggio al capitano della nave impegnata nel salvataggio di migranti nel Mediterraneo centrale elencando le possibili conseguenze in caso di “volontà di proseguire con i salvataggi”.
Non si tratta della prima volta. Già in precedenza, riporta il giornale spagnolo, l’organizzazione umanitaria si era vista recapitare avvisi che la intimavano a fermare le attività in mare. Ma si tratta, spiegano, del primo caso in cui il documento è stato firmato da Benito Núñez Quintanilla, il più alto rappresentante della Marina Mercantile e membro del ministero dello Sviluppo spagnolo.

Nel documento si specifica che “le operazioni di ricerca e salvataggio sono vietate, tranne nei casi in cui avvengano nella zona di search and rescue (Sar) di responsabilità nazionale e comunque sempre sotto il coordinamento delle autorità“. Inoltre, è anche vietato “svolgere operazioni di navigazione con lo scopo” di compiere salvataggi “o altre attività che potrebbero portare a tali operazioni” se non in possesso dei permessi delle autorità corrispondenti, cioè l’Italia o Malta. In poche parole, se salvataggio deve esserci questo deve avvenire in modo casuale e occasionale. Le operazioni di navigazione a scopo di pattugliamento non sono consentite. Nel caso in cui vengano riscontrate delle violazioni delle disposizioni, le autorità spagnole possono anche ordinare alla nave “il ritorno in porto”.
Per le “violazioni compiute durante la navigazione” le multe previste possono arrivare fino a 900mila euro, mentre per le infrazioni “contro la sicurezza marittima e l’ordine del traffico marittimo” il tetto massimo è di 300mila. È contemplata anche la possibilità della “sospensione del titolo professionale” per il capitano della nave in caso di “gravi infrazioni”.
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/06/migranti-el-diario-governo-spagnolo-minaccia-open-arms-con-multe-fino-a-900mila-euro-se-proseguono-i-salvataggi/5303943/?fbclid=IwAR3rTcwaKlouxuPEO78J9YQTgV_AYWiO7bOWoMPvrxHTSBycMzj2YalB6AA

Arrestato all'aeroporto di Fiumicidio l'ex pm di Siracusa Longo.

Risultati immagini per Giancarlo Longo


E' stato arrestato all'aeroporto di Fiumicino l'ex pm di Siracusa Giancarlo Longo. E' divenuta definitiva infatti la sentenza con cui il magistrato ha patteggiato la condanna a 5 anni, le dimissioni dalla magistratura e l'interdizione in perpetuo dai pubblici uffici: pertanto la Procura di Messina, che lo indagò e lo fece condannare, ha emesso l'ordine di carcerazione per espiazione della pena. Longo deve scontare 4 anni, un mese e 20 giorni avendo già subito un periodo in custodia cautelare in carcere.

Longo era accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Il procedimento a suo carico, denominato 'Sistema Siracusa', nasce da una inchiesta dei pm della città dello Stretto, guidati da Maurizio De Lucia, competenti proprio per il coinvolgimento di Longo, che all'epoca delle accuse era in servizio alla Procura di Aretusea. L'inchiesta aveva al centro due avvocati, Piero Amara e Giuseppe Calafiore che, per anni, avrebbero pilotato indagini e fascicoli per avvantaggiare loro clienti di peso come i costruttori siracusani Frontino. Longo, in cambio di mazzette e regali, avrebbe messo a disposizione la sua funzione di magistrato condizionando l'andamento dei procedimenti penali. Dopo l'arresto Calafiore ed Amara hanno cominciato a collaborare con i pm. Le loro dichiarazioni hanno portato all'apertura di altre indagini tra le quali quella sull' ex giudice del Cga siciliano Giuseppe Mineo, accusato di corruzione in atti giudiziari e ritenuto un pezzo di quel "sistema Siracusa" finito al centro dell'inchiesta, e all'inchiesta per finanziamento illecito ai partiti dell'ex senatore di Ala Denis Verdini.


https://www.nuovosud.it/articoli/94892-cronaca-siracusa/arrestato-allaeroporto-di-fiumicidio-lex-pm-di-siracusa-giancarlo?fbclid=IwAR2_4ujn3M1FpmwP1c8AoILjijAs-hT1fNhXIWQo9v68wUSTHWwVUllGA9U

Washington Post – La mafia straniera si diffonde in Italia. - Carmenthesister


Risultati immagini per mafia nigeriana


Le ultime vicende della Sea Watch hanno riacceso la polemica sull’immigrazione e sulla politica dei porti chiusi che in mezzo a mille difficoltà viene portata avanti dal governo italiano. Il dibattito si polarizza tra coloro che si identificano come “i buoni”, che inalberano la bandiera dell’accoglienza, e quelli che vogliono fermare l’ondata, perché magari vivono più da vicino nei quartieri delle loro città  i problemi di un flusso migratorio a lungo incontrollato e mal gestito o comunque prevedono i danni che potranno derivarne.

A questo proposito sul Washington Post del 25 giugno troviamo una lunga inchiesta sulla mafia nigeriana, che si è diffusa in Italia in seguito ai flussi di migranti provenienti dall’Africa negli ultimi anni; l’indagine è basata su documenti e relazioni degli investigatori e uomini di giustizia che da anni operano sul territorio, visionati dai due corrispondenti del quotidiano americano, Chico Harlan e Stefano Pitrelli.

L’articolo osserva come, in un paese che ha combattutto per decenni contro la propria mafia locale, un nuovo gruppo criminale straniero sta acquistando forza. Si tratta soprattutto dei nigeriani, che su tutto il territorio italiano,  da Nord a Sud, da Torino a Palermo, nel corso di diversi anni di flussi di immigrazione incontrollata hanno reclutato nuovi membri tra i migranti dei centri di accoglienza, concretizzando uno  scenario che i nazionalisti italiani ed europei avevano già previsto e sui cui erano stati già da tempo lanciati preoccupati allarmi.

Il giornale descrive la polarizzazione della politica italiana: da una parte  i leader dei nuovi partiti giunti al governo con l’impegno di fermare l’invasione, e dall’altra la sinistra, insieme alla Chiesa cattolica di Papa Francesco, che  sostengono le politiche dell’accoglienza e negano queste paure, affermando che i delinquenti possono trovarsi ovunque, e anzi che la mafia è “made in Italy” e non sono i nigeriani ad averla inventata.

Alcuni estratti dell’articolo in cui si descrive la situazione che i due corrispondenti hanno trovato in Italia.

“Non esistono stime affidabili di quanti membri della mafia nigeriana operino in Italia. Ma interviste con investigatori, procuratori, operatori umanitari e vittime della tratta degli esseri umani e centinaia di pagine di documenti investigativi mostrano che la mafia nigeriana ha costruito in Italia il suo hub europeo per il contrabbando di cocaina dal Sud America, di eroina dall’Asia, e per il traffico della prostituzione che coinvolge donne africane a decine di migliaia.

Gli investigatori italiani dicono che il consorzio nigeriano risponde alla definizione di mafia, piuttosto che di una qualsiasi banda criminale, perché ha un codice di comportamento e utilizza la potenza implicita del gruppo per intimidire e imporre il silenzio. I membri nigeriani sono stati condannati per quegli stessi reati di mafia codificati dall’Italia nella sua lunga lotta contro la mafia locale.

Anche se forse meno conosciuto della criminità organizzata dei giapponesi, russi e cinesi, secondo l’agenzia di intelligence italiana quest’anno il gruppo nigeriano è diventato “il più strutturato e dinamico” tra le organizzazioni criminali straniere operanti in Italia. Alcuni nigeriani entrano illegalmente in Italia già con l’intenzione di unirsi al gruppo criminale. Altri vengono reclutati dopo l’arrivo.”

Il Washington Post prosegue osservando come la mafia nigeriana sia stata presente in tutta Europa sin dagli anni ’80, e come tuttavia negli ultimi anni questo gruppo sia cresciuto, diffondendosi proprio in quella parte del territorio italiano in cui nessun gruppo criminale straniero sino ad ora aveva osato entrare, la Sicilia, la porta d’ingresso in Italia per i migranti fino alla politica dei porti chiusi di Salvini dello scorso anno.

Per la maggior parte del secolo scorso – si osserva nell’articolo –  i padroni dell’isola erano i membri di Cosa Nostra, specializzati in racket, gioco d’azzardo e omicidi, i quali non erano certo disposti a condividere il controllo del loro territorio con altri gruppi criminali. La Sicilia di oggi però è diversa. Cosa Nostra è azzoppata e i suoi capi sono finiti in carcere, uno dopo l’altro. Il gruppo è diventato più tranquillo, meno apertamente violento, e negli ultimi dieci anni sono emerse le prove che la mafia siciliana starebbe cooperando nel traffico di droga con il gruppo criminale straniero alimentatato dalle centinaia di migliaia di africani arrivati nell’isola, molti dei quali si sono trasferiti in altre parti d’Italia e anche in Europa, mentre alcuni sono rimasti. Questa cooperazione è possibile e si mantiene anche perché la mafia nigeriana ha costruito molto del suo business sulla prostituzione, un terreno in cui Cosa Nostra non ha mai mostrato interesse.


“Alcuni esperti dicono che ben 20.000 donne nigeriane, alcune delle quali minorenni, sono arrivate in Sicilia tra il 2016 e il 2018, in un traffico coordinato tra i nigeriani in Italia e quelli nel loro paese.

‘Centinaia di donne, che dal porto si riversavano nel paese ogni giorno’, dice Sergio Cipolla, presidente della Cooperazione Internazionale Sud Sud, un’organizzazione no-profit con sede a Palermo che si occupa di migranti, descrivendo quel periodo. ‘Le donne venivano portate nei centri di accoglienza. Ma non erano costrette a rimanere lì, quindi fuggivano e si perdevano le tracce’.

Secondo quanto risulta dai documenti, dai resoconti degli investigatori e di altre persone, le donne venivano in Italia accettando di pagare una tariffa molto salata – di 20.000 o 30.000 euro – illuse dalla promessa di sistemarsi in Europa con un lavoro. Prima di lasciare la Nigeria, la maggior parte di loro giurava con un rito voodoo di rimborsare quel debito. Le donne però sono arrivate in Italia per poi scoprire che non c’era nessun  lavoro da baby sitter o da parrucchiera che le aspettava.”
[…]
A causa di questi giuramenti (in cui credono e di cui hanno paura, ndt), è raro che le donne vadano alla polizia, ma se lo fanno per gli investigatori può essere molto importante. Francesco Del Grosso, capo della sezione criminalità straniera presso l’unità di polizia nazionale di Palermo, nel 2017 era alla sua scrivania quando una donna nigeriana si presentò, dicendo che aveva paura, ma era pronta a parlare. La donna descrisse diversi anni di schiavitù sessuale – una gravidanza, e poi di nuovo costretta a uscire per strada – e disse di essere stata poi aiutata da un gruppo di beneficenza. 

La donna diede alcuni dettagli sull’organizzazione di uomini che aveva intorno: strette di mano rituali, abiti blu e gialli codificati per colore. Le rivelazioni riguardavano il gruppo Eiye, uno dei principali clan della mafia nigeriana. Sulla base delle sue rivelazioni, Del Grosso aprì una nuova indagine e diciannove mesi dopo 14 membri di Eiye vennero arrestati per reati di mafia e droga, tra cui il presunto capo Eiye siciliano, Osabuohien Ehigiator. Del Grosso ha detto che tutte le 14 persone arrestate erano arrivate in Italia negli ultimi anni “sui barconi”.


Per inquadrare il tema in un contesto più ampio e significativo rispetto alla polemica  che contrappone i difensori dei confini nazionali ai sedicenti eroi dell’accoglienza, può essere utile anche questo toccante video in cui il leader panafricanista  Mouhamed Konare commenta la crisi della Sea Watch. Konare  afferma che il problema della immigrazione non potrà mai essere veramente risolto se non si affrontano alla radice le cause che portano tanti giovani africani ad emigrare e cadere nella rete dei trafficanti, per poi finire a  lavorare come schiavi o entrare nella criminalità organizzata, i più probabili scenari  futuri che li aspettano dopo essere stati “salvati” dalle anime belle dell’accoglienza.

I megaliti dell’Argimusco: la ”Stonehenge” italiana a Montalbano Elicona (ME).

I megaliti dell’Argimusco

L’altopiano dell’Argimusco, suddiviso tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi e Roccella Valdemone. Il luogo si trova poco a nord dell’Etna, all’incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani. Qui si erge l’unico esempio di sito megalitico in Sicilia intorno ai quali aleggia ancora un’aura molto densa di mistero, probabilmente destinato ad non essere mai sciolto. Un gruppo di grandi rocce di arenaria quarzosa svettano sugli oltre mille metri di altitudine dell’altopiano modellati in forma curiosa e suggestiva. La tradizione popolare riconduce questi megaliti all’opera di popolazioni preistoriche: si tratterebbe quindi di antichi menhir e quasi irriconoscibili dolmen. Ma i geomorfologi e gli archeologi propendono piuttosto per una loro origine assolutamente naturale, dovuta in particolare all’erosione eolica, anche perché nei loro pressi non sono stati trovati resti significativi di presenza umana come ceramiche, utensili, ossa, ecc. Resta comunque il fatto che tali pietre mostrano segni che, a detta di qualcuno, testimonierebbero almeno una attenzione dell’uomo nei loro confronti riconducibile ad attività di osservazione del cielo e a qualche pratica rituale forse legata ai cicli delle stagioni e ai principali fenomeni astronomici dell’anno. Qualunque sia la verità, certo è che il luogo è diventato meta di appassionati di archeoastronomia o di semplici curiosi con la passione per il Mistero.

Il nome Argimusco.
Secondo il professore Gaetano Pantano il nome Argimusco deriva dal greco “arghimoschion”, ossia “altopiano delle grandi propaggini”. L’aggettivo farebbe riferimento alle Felci che solitamente crescono nella zona. Secondo altri il toponimo deriva dalla risultanza in greco antico di λαμπρός = “splendente” e dal latino Muscus (muschio o felce) dunque “Splendente muschio”.
In ultimo è stata azzardata una derivazione araba da Mursya (acqua pesante), alla quale i più contrappongono una derivazione latina da agri-muscus “campo di muschio” , traslitterato per metatesi dal dialetto siciliano in argi-muscus.

I megaliti.
L’Argimusco evoca quindi, come dicevamo, epoche remote nelle quali luoghi alti e ben orientati si prestavano all’osservazione del cielo, a quel tempo motivo di interesse pratico ma anche fonte di ispirazione mistico-rituale. Osserviamo quindi i megaliti secondo un itinerario tracciato sull’altopiano, lasciandoci trasportare dalle suggestioni che forme e collocazione riescono a trasmettere. Parleremo solo dei megaliti principali, quelli che per forme, dimensioni e segni misteriosi hanno maggiormente sollecitato la fantasia popolare o un interesse scientifico.


Cominciamo dai cosiddetti “menhir” Maschile e Femminile, due monoliti ben visibili da due diverse angolazioni che evocherebbero un legame simbolico con la fertilità e la nascita. Sono separati da un varco che consente di osservare il sorgere del sole.
Il Mammut. Risultati immagini per argimusco il mammut
Per la forma evocante il preistorico pachiderma. Fra i suoi anfratti crescono bellissimi esemplari di Agrifoglio.
Il volto.    Risultati immagini per argimusco il volto
In realtà non è l’unica roccia a ricondurre a profili umani, ma questa si fa notare per la particolare verosimiglianza.
L’Aquila.Risultati immagini per argimusco l'aquila
È forse uno dei megaliti più suggestivi dell’intero gruppo perché richiama allo sguardo e alla mente in modo potente il nobile rapace che nelle antiche culture, oltre ad essere simbolo di regalità, compariva rappresentato con funzioni di animale psicopompo ossia di scorta alle anime dei defunti nel loro viaggio verso l’aldilà. Pare infatti che il becco di questa misteriosa “scultura” dell’Argimusco sia orientato verso una non lontana necropoli.
Il Santuario o il Pluviometro.
Che presenta sul fronte strane incisioni parallele che sembrerebbero destinate alla raccolta dell’acqua piovana poi convogliata in alcune concavità scavate nella roccia, forse inerenti a culti legati alla pioggia.
L’Orante o Dea Neolitica. Risultati immagini per argimusco l'orante
Uno dei monoliti che colpiscono maggiormente l’immaginario del visitatore, soprattutto se osservato alla luce del tramonto. Si tratta di un apparente profilo di donna in atteggiamento di preghiera, delineato nella sagoma della roccia. L’effetto ottico crea la sagoma di un’alta figura a mani giunte, avvolta in un lungo peplo, che sembra in atteggiamento contemplativo. Un’antica leggenda popolare vuole che quella figura altri non sia stata che una donna virtuosa, detta Marta d’Elicona,  la quale, per sottrarsi alle lusinghe di un demone dei boschi, preferì farsi tramutare in pietra. Qualcuno è dell’avviso che parte dello stesso megalite, associato ad una vasca per la raccolta dell’acqua, abbia svolto funzione anche di Osservatorio luni-solare.
Il sacerdote. Guerriero Argimusco.JPG
Questa roccia è nota anche con il nome: il Guerriero. Vista da nord ricorda un viso umano allungato, con un foro in corrispondenza dell’occhio. Secondo alcuni studiosi l’occhio era legato a un possibile uso astronomico della roccia.
La Grande Rupe. Risultati immagini per argimusco la grande rupe
È un altro imponente megalite che sembra delineare un gigantesco volto. Si trova allineato con l’Orante da cui lo separa uno spazio che permette di osservare il tramonto.
Tetraedro.  
Una roccia orientata verso nord e da alcuni considerata con maggiore probabilità un’opera dell’uomo.
La Vasca.  Risultati immagini per argimusco la vasca
Non è una megalite, ma una cavità rettangolare intagliata nella roccia, dalle dimensioni di circa 1,5 X 0,5 metri, ubicata proprio sopra la testa dell’Orante. L’uso non è chiaro. Forse era una vasca per la raccolta delle acque piovane, forse una vasca per riti battesimali o di guarigione o una tomba rupestre. È la più grande delle vasche con cavità artificiali presenti nel sito.
Il Babbuino.  Risultati immagini per argimusco la vasca
 Foto di Davide Mauro   
È una piccola roccia affiorante che ricorda vagamente il viso di un babbuino.
Le Rocche Incavalcate. argimusco
 Ph. Elisa Ranno – All rights reserved – FdS: courtesy dell’Autrice
Sembrerebbero quello che resta di alcuni dolmen crollati di Portella Calvagna. Non sembrano invece riconducibili a particolari significati, ma solo alla bizzarria degli elementi, i cosiddetti Parti della Roccia, forme di erosione che hanno scavato la superficie rocciosa lasciandone emergere delle sfere o semisfere quasi perfette, di cui il sito presenta diversi esemplari.
Doppia sfera.  Roccia circolare.jpg
Questa roccia somiglia ad una doppia sfera.
Occhio. Roccia a forma d'occhio.jpg
Roccia appena affiorante dal terreno a forma di occhio con sopracciglio.
Roccia con sfera. Roccia con forma circolare 2.jpg
Masso dalla forma triangolare con una sfera incassata

Fonti:

https://www.ilviaggioinsicilia.it/i-megaliti-dellargimusco/


https://it.wikipedia.org/wiki/Altopiano_dell'Argimusco