venerdì 22 giugno 2018

La Camera approva lo stop ai vitalizi: Forza Italia si indigna.


Risultati immagini per camera abolisce i vitalizi

La Camera dà il via libera all’abolizione dei vitalizi dopo 24 ore di polemiche in aula. Favorevoli 348 deputati, contrari in 17 e 28 astenuti, mentre Forza Italia non ha partecipato al voto bollando come “incostituzionale” la legge, che ora passerà all’esame del Senato.
Il via libera è arrivato tra gli “oooooh…” di attesa dei pentastellati e i festeggiamenti di una parte dell’aula dopo che la presidentessa Laura Boldrini ha dichiarato chiusa la votazione, alla quale si è giunti dopo diversi scontri tra i parlamentari.
Cinque Stelle hanno accusato il Pd di fare ostruzionismo e a loro volta i dem hanno accusato i grillini di aver voluto fare interventi troppo lunghi. Il voto, dopo le polemiche, era stato fissato per le 18.30.
La Pdl Richetti ha ricevuto l’appoggio di Pd, M5s, Fdi, Lega Nord e dei civatiani. Si sono astenuti gli ex democratici di Mdp: “E’ stata messa una toppa, ma non basta”, ha detto il deputato Alfredo D’Attorre.
Ha annunciato il suo voto contrario il presidente del gruppo Misto Pino Pisicchio: “Lo faccio per la dignità di quest’Aula”.

Caso Maugeri, Corte dei Conti sequestra 5 milioni a Roberto Formigoni: “Deviò la sua funzione pubblica per fini privati”.

Caso Maugeri, Corte dei Conti sequestra 5 milioni a Roberto Formigoni: “Deviò la sua funzione pubblica per fini privati”

Coinvolti anche l’ex faccendiere Pierangelo Daccò e l’ex assessore Antonio Simone: in totale la cifra sequestrata è di 30 milioni di euro. Proprio per i casi San Raffaele e Maugeri, l'ex governatore della Lombardia condannato in primo grado a 6 anni con l'accusa di corruzione. Tra cinque giorni la sentenza d'appello.


A cinque giorni dalla sentenza d’appello nel processo penale la Procura della Corte dei Conti della Lombardia ha disposto il sequestro di 5 milioni di euro a carico dell’ex governatore della Regione Roberto Formigoni per la vicenda Maugeri. I pm contabili hanno ordinati sequestri “conservativi” anche a carico degli altri imputati nel processo penale tra cui l’ex faccendiere Pierangelo Daccò e l’ex assessore Antonio SimoneQuesti ultimi due hanno scelto di concordare la pena, mentre per l’ex senatore di Ap l’accusa ha chiesto una pena di 7 anni e mezzo, più alta di quanto inflitto dal Tribunale di Milano in primo grado: sei anni per corruzione. In totale la cifra sequetrata supera i 30 milioni di euro. Secondo la difesa, invece, la teoria dell’accusa “prima ancora di essere provata non tiene sotto il profilo della logica. Qui i giudizi, le impressioni si sostituiscono ai fatti. E sostenere che a monte c’è un sistematico asservimento” di Roberto Formigoni “e a valle le pressioni che egli fa, è una invenzione”, ha dichiarato uno degli avvocati dell’ex governatore, Luigi Stortoni.
Le indagini della magistratura contabile: “Sistema illecito”.
Ma anche la magistratura contabile condivide le conclusioni della Procura. Inoltre c’è stata “una complessa ed articolata attività istruttoria”, diretta da Salvatore Pilato, “perché fondata sugli analitici e puntuali riscontri di contabilità finanziaria, integrati dalle fonti probatorie provenienti dai giudizi penali, con la fondamentale collaborazione della Guardia di Finanza di Milano”, delegata ad eseguire i sequestri, i magistrati hanno definito “gli accertamenti relativi al finanziamento da parte della Regione Lombardia della Fondazione Salvatore Maugeri, ente ospedaliero accreditato con il sistema sanitario regionale”. Per i pm contabili, anche sulla base degli atti penali, è “emersa la distrazione dal finanziamento delle cosiddette funzioni non tariffabili, dei contributi regionali a finalità vincolata per l’importo stimato nell’invito a dedurre nella misura di euro 59.383.107″. Contestato un danno erariale, dunque, di quasi 60 milioni nei confronti della Regione Lombardia. Ed è emersa l’esistenza di “un sistema illecito composto da soggetti interni all’amministrazione regionale”, tra cui proprio l’ex governatore, “e da soggetti esterni, che hanno cooperato in consapevole concorso per la distrazione delle risorse economiche dalle finalità pubbliche”. 

Il “provvedimento cautelare” disposto dai magistrati “è stato limitato alle quote di profitto realizzate da ciascuno dei presunti responsabili”: 5 milioni a Formigoni, 4 milioni all’ex presidente della Fondazione Umberto Maugeri, 4 milioni all’ex direttore amministrativo Costantino Passerino e 10 milioni a testa a Daccò e Simone. I sequestri conservativi riguardano “beni immobili, crediti anche a titolo di vitalizio, conti correnti bancari” nei limiti “delle quote di arricchimento personale”. Per l’11 luglio è fissata l’udienza di convalida dei sequestri conservativi.
Formigoni “si adoperò per deviare la funzione pubblica a fini privati”
L’ex Governatore lombardo Roberto Formigoni “si è adoperato per ‘deviare’ la funzione pubblica a fini privati, avvalendosi dei ‘mediatori/agevolatorì Pierangelo Daccò e Antonio Simone, con interventi e pressioni sugli uffici regionali, mirati alla precisa finalità di drenare illecitamente una ingentissima quantità di risorse pubbliche, assegnate a copertura dei fondi destinati alle cosiddette funzioni non tariffabili”. La misura cautelare, spiegano i pm contabili, “è stata eseguita a garanzia del credito risarcitorio dell’Amministrazione regionale, a fronte della commissione di illeciti dolosi motivati da ragioni economiche“.
Allo “stato degli atti non risultano corrisposte le provvisionali” di risarcimento stabilite dal Tribunale di Milano con la sentenza del dicembre 2016 che ha condannato Formigoni anche a versare 3 milioni di euro, in solido con l’uomo d’affari Pierangelo Daccò e con l’ex assessore lombardo Antonio Simone, alla Regione Lombardia. Nel disporre ed eseguire i sequestri i pm contabili chiariscono anche che non hanno riconosciuto alcuna “rilevanza” alle confische disposte nel processo penale (oltre 6,6 milioni a carico di Formigoni) perché quelle confische penali “hanno una rilevanza esclusivamente sanzionatoria e non risarcitoria del danno pubblico“.
I magistrati: “Danno erariale di oltre 73 milioni di euro”
La Procura contabile spiega, inoltre, di aver eseguito i sequestri perché “l’ingente danno contestato rende assai probabile l’esecuzione di atti in grado di diminuire la garanzia patrimoniale del credito erariale” vantato dalla Regione Lombardia “da parte dei membri del sodalizio criminoso”. I magistrati, in particolare, hanno calcolato il danno erariale in relazione alle somme “retrocesse” a favore dei “partecipanti al sistema illecito”, tra cui Formigoni, e su un “complessivo finanziamento regionale” alla Maugeri, tra il ’98 e il 2010, di oltre 73 milioni di euro. Da questa cifra, però, è stato detratto il risarcimento di 14 milioni già corrisposto dalla Fondazione Maugeri alla Regione e, dunque, il danno finale è di circa 60 milioni. I presunti intermediari della corruzione, Daccò e Simone, tra l’altro, avrebbero girato “parte delle somme ricevute” dalla Maugeri “al Presidente Formigoni sia in contanti, sia sotto forma di utilità patrimoniali di vario genere e natura“, tra cui l’ormai famoso uso di yacht per le vacanze. Alla Maugeri, nel frattempo, “in violazione degli obblighi di imparzialità ed esclusivo perseguimento dell’interesse pubblico, sono state assegnate ingenti somme del fondo sanitario regionale”. Il “complesso sistema illecito”, infine, come emerso anche dall’inchiesta della Procura di Milano, era basato anche su una “rete di società italiane ed estere (anche in centri offshore)”.

mercoledì 20 giugno 2018

Ministro Tria: "Tasse troppo alte".


Il ministro dell'Economia Giovanni Tria

13mila sconosciuti al fisco e mille grandi evasori. Le "scoperte" della GdF.


"I recenti dati diffusi dall'Istat relativi al Pil confermano che l'economia italiana è in ripresa. Rimangono però elevate la pressione fiscale in rapporto al Pil e l'evasione fiscale contributiva, che nelle stime 2015 era di 110 miliardi di euro. La recessione ha indebolito la capacità di crescere e competere e ha generato una diffusa disaffezione nelle autorità". Così il ministro dell'Economia Giovanni Tria alla celebrazione del 244simo anniversario della fondazione della Guardia di Finanza.
L'impegno del governo - ha affermato Tria - è per "un più efficace contrasto all'evasione e alle frodi nella consapevolezza che solo da un contrasto efficace dell'illegalità possono derivare maggiori risorse per sostenere la crescita dell'economia". Dal contrasto all'evasione fiscale, secondo il ministro, possono derivare risorse anche "per la riduzione della pressione fiscale".
Il ministro è intervenuto alla festa della GdF, durante la quale sono stati presentati i dati relativi all'evasione. Due miliardi e 300 milioni, più di due milioni a testa: è quanto hanno sottratto al fisco i mille grandi evasori scoperti dalla Guardia di Finanza dal 1 gennaio del 2017 al 31 maggio di quest'anno. I Finanzieri hanno anche individuato quasi 13mila evasori totali e contestato 23mila reati fiscali.
Dei 2,3 miliardi evasi dai grandi evasori, che non sono piccoli artigiani, commercianti o imprenditori ma soggetti che si avvalgono di una rete di connivenze e spesso anche della consulenza di studi tributari, più della metà - 1,3 miliardi - sono però già stati confiscati acquisiti in via definitiva al patrimonio dello Stato.
Da gennaio 2017 sono stati scoperti anche 12.824 evasori totali, soggetti del tutto sconosciuti al fisco, che hanno evaso 5,8 miliardi di Iva. I finanzieri hanno inoltre portato alla luce quasi 23mila reati fiscali - il 67% dei quali riguardano emissione di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento di documenti contabile - e denunciato 17mila persone, di cui 378 arrestate.
Infine, sono 30.818 i lavoratori in nero impiegati da 6.361 datori di lavoro.
Questi, in sintesi, i dati presentati dalla GdF:
Appalti irregolari per 2,9 miliardi, danni all'erario per 5 miliardi, mille grandi evasori che hanno sottratto al fisco 2,3 miliardi, più di due milioni a testa. Sono i dati principali di 17 mesi di attività della Guardia di Finanza - dal 1 gennaio 2017 al 31 maggio 2018 - resi noti in occasione della festa del Corpo.
APPALTI IRREGOLARI PER 2,9 MLD, 40% GARE - Nel settore appalti la GdF ha scoperto irregolarità sull'aggiudicazione del 40% delle gare esaminate. Oltre 6mila i denunciati per reati in quest'ambito e delitti contro la P.a., 644 dei quali arrestati; 600 milioni di euro sequestrati. Su un totale di gare sottoposte a controllo per 7,3 miliardi, il valore degli appalti in cui sono state riscontrate irregolarità è di 2,9 miliardi.
DANNI ERARIO PER 5 MLD - Sono 8.400 le persone responsabili di un danno erariale individuate, per un ammontare di 5 miliardi. Il dato si focalizza su un insieme di inefficienze e sprechi di risorse di cui si rendono colpevoli persone che operano nel settore pubblico procurando danni all'erario.
1.000 GRANDI EVASORI - Due miliardi e 300 milioni, più di due milioni a testa: è quanto hanno sottratto al fisco i mille grandi evasori, soggetti che si avvalgono di una rete di connivenze e della consulenza di studi tributari, non certo piccoli commercianti, artigiani o imprenditori. Più della metà di questi soldi - 1,3 miliardi - sono però già stati confiscati acquisiti in via definitiva al patrimonio dello Stato. Scoperti anche 12.824 evasori totali che hanno evaso 5,8 miliardi di Iva e contestati quasi 23mila reati fiscali - il 67% dei quali riguardano emissione di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento di documenti contabile - 30.818 sono invece i lavoratori in nero impiegati da 6.361 datori di lavoro.
FRODI COMUNITARIE - Negli ultimi 17 mesi la Guardia di Finanza ha scoperto frodi in danno del bilancio nazionale e comunitario per oltre 1,5 miliardi di euro. Si attestano a 175 milioni le frodi nel settore della spesa previdenziale e sanitaria. I soggetti nel complesso denunciati sono stati 12.741, con l'esecuzione di oltre 40.000 interventi a tutela dei principali flussi di spesa pubblica.
SANITA', FURBETTI TICKET OGNI 10 CONTROLLI - Le Fiamme Gialle hanno effettuato controlli mirati in ambito sanitario per scoprire i "furbetti" del ticket, settore nel quale sono state individuare "sacche" di irregolarità nel 90% dei casi: in pratica, ogni 10 persone controllate, almeno 9 si sarebbero fatte curare gratis, in ospedali pubblici o in altre strutture private convenzionate senza averne diritto. Per quanto riguarda poi gli aiuti economici e i servizi sociali di assistenza verso cittadini in condizioni economiche e sociali di disagio, il 39% dei controlli svolti ha evidenziato irregolarità.
MAFIA E TERRORISMO - Le indagini patrimoniali contro le mafie hanno portato alla confisca di beni e valori per 2 miliardi. Altri 3 miliardi sono stati sequestrati, mentre le richieste di sequestro in corso ammontano a 4,6 miliardi. 
Tre miliardi il valore del riciclaggio accertato, somme intercettate grazie a circa 1.300 indagini, da cui sono scaturite denunce per riciclaggio e autoriciclaggio nei confronti di 2.508 persone, 284 delle quali poste agli arresti. Delle oltre 131.600 segnalazioni di operazioni sospette esaminate, 38.600 sono state sottoposte a indagini più approfondite e 756 sono risultate attinenti al finanziamento del terrorismo internazionale.
IL MERCATO DEL FALSO - Sono 264 milioni gli articoli sequestrati dalle Fiamme Gialle tra quelli contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy, quelli non sicuri e i prodotti alimentari con marchi industriali falsificati o indicazioni non veritiere su origine e qualità. Oscurati o sequestrati anche 521 siti internet, utilizzati per commercializzare on line merce contraffatta.

martedì 19 giugno 2018

Maggiori disturbi mentali nelle società meno eque. - Cristina Da Rold

Risultati immagini per differenze sociali
A fine giugno uscirà in inglese “The Inner Level. How More Equal Societies Reduce Stress, Restore Sanity and Improve Everyone’s Wellbeing” (come società più eque possono ridurre lo stress e migliorare il benessere di tutti) scritto da due colonne portanti a livello mondiale nella ricerca sulle disuguaglianze sociali nella salute e dei determinanti sociali della salute: Richard Wilnkinson e Kate Pickett.
Perché l’incidenza della malattia mentale nel Regno Unito è doppia rispetto a quella in Germania? Perché gli americani sono tre volte più propensi degli olandesi a sviluppare problemi di gioco? Perché il benessere dei bambini è molto peggiore in Nuova Zelanda rispetto al Giappone?
La tesi di fondo dei due autori è che la misura del benessere mentale di una società non dipende dal PIL o dal PIL medio pro capite, e quindi dal potere d’acquisto medio della popolazione, ma dal livello di disuguaglianza economica e quindi di opportunità che permea una società.2019
Da buoni epidemiologi parlano dati alla mano. Oggi fra i paesi ricchi, le società dove il benessere psicologico è peggiore sono proprio le società più disuguali (nei termini del coefficiente di Gini): Stati Uniti e Regno Unito su tutti. Al contrario, le società più eque come il Giappone o i paesi scandinavi sono quelle che presentano tassi inferiori di disturbi mentali.
Non è un caso – affermano gli autori – che con il passare dei decenni si registri una sempre maggiore prevalenza di disturbi mentali come l’ansia, nonostante le società siano diventate sempre più ricche. Non sono le generazioni a essere diventate via via sempre meno capaci di far fronte alle difficoltà della vita, come viene spesso raccontato, ma è l’ineguaglianza a creare una maggiore competizione sociale, che a sua volta favorisce l’aumento di ansia e stress, e quindi una maggiore incidenza di malattie mentali, insoddisfazione e risentimento. E questo – continuano gli autori -porta all’ampliamento di abuso di droghe, alcol e dipendenze come il gioco d’azzardo – che a loro volta generano ulteriore stress e ansia.
Per gli Stati Uniti – il paese dove la disuguaglianza economica è maggiore – basta pensare all’epidemia dell’abuso di oppiacei ormai da tempo balzata alle cronache. Secondo i dati dell’CDC americano, il tasso di mortalità per abuso di oppiacei è passato da 3 decessi per 100 mila persone del 2000 ai 13,5 del 2016.
Certo, la malattia mentale è un fenomeno multifattoriale. La Nuova Zelanda ha tre volte più malattie mentali dell’Italia, e gli stessi livelli di disuguaglianza di reddito, e la Francia ha il doppio dei tassi di malattia mentale della vicina Spagna, eppure la sua disuguaglianza di reddito è più o meno la stessa. Tuttavia, la tendenza c’è e si vede.
Gli autori incrociano i dati sulla disuguaglianza economica con l’indice di “salute e problemi sociali” che comprende – si legge – aspettativa di vita, abilità nel leggere, scrivere e far di conto, mortalità infantile, tasso di omicidi, reati commessi, gravidanze in età adolescenziale, tassi di obesità, mobilità sociale e – appunto – disturbi mentali incluse le dipendenze.
Secondo gli autori l’Italia rappresenterebbe un’anomalia: un livello medio alto di disuguaglianza economica ma una prevalenza non così elevata di disturbi mentali, e la ragione sarebbe da ricercarsi nelle “strette relazioni familiari in Italia”.
Il legame fra livello di “income inequality” (letteralmente disuguaglianza di reddito) e prevalenza delle malattie mentali è stato esaminato e confermato anche da un’ampia revisione pubblicata nientemeno che su The Lancet Psychiatry nel 2017, che vede fra gli autori anche un italiano, Luca Pingani dell’Azienda USL di Reggio Emilia e dell’Università̀ degli studi di Modena e Reggio Emilia. Esaminando 27 studi su questo tema, gli autori, guidati da Sara Evans-Lacko e Wagner-Silva Ribeiro della London School of Economics, hanno concluso che le disuguaglianze di reddito sono negative per la salute mentale, anche se sulle dimensioni di questo impatto vi è una marcata eterogeneità tra gli studi. La conclusione è che se la riduzione della disparità di reddito potrebbe comportare un significativo miglioramento del benessere della popolazione.
In The Inner Level ampio spazio è dedicato infine all’analisi del benessere durante l’infanzia, che come è noto è un proxy di malessere in età adulta.
Si tratta di considerazioni ampiamente condivise dai maggiori studiosi di epidemiologia sociale a livello mondiale. Lo stesso Michael Marmot nel suo “The Health Gap”, sottolineava che il gap inizia non appena si nasce e povertà e privazioni, si traducono in condizioni cognitive sfavorevoli sin dalla primissima infanzia, a partire per esempio dal numero di parole utilizzate dai bambini. Insomma, il luogo comune secondo cui ciò che non uccide dovrebbe fortificare è falso: per citare Marmot, “ciò che non uccide rende più vulnerabili”.

Parla Di Maio: «Più incentivi al lavoro stabile e stretta sui contratti a termine». - Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci

Risultati immagini per di maio

Incentivi alle imprese «più adeguati» e legati alle assunzioni a tempo indeterminato. Stretta su contratti a termine e sulla somministrazione, per contrastare la precarietà. Apertura ad un periodo transitorio, per evitare di «stravolgere le attività aziendali e i contratti in essere». Rafforzamento dei centri per l’impiego che dovranno essere «il cardine su cui dovrà girare il reddito di cittadinanza».

Nella prima intervista da ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio indica le priorità d’azione in vista della presentazione del cosiddetto “decreto dignità” atteso per la fine del mese sul tavolo del consiglio dei ministri. Il ministro parla al Sole 24 ore, dopo aver concluso il tavolo con i rappresentanti delle imprese operanti nella gig economy, preceduto la scorsa settimana dall’incontro con gli stessi riders.

d) Ministro, sul capitolo tutele per i lavoratori 4.0, la soluzione per ora è affidata ad un tavolo negoziale e non più ad un decreto legge. Cosa ha determinato questo cambio di strategia?

r) Non c’è un cambio di rotta sia ben chiaro, abbiano rilevato la disponibilità ad aprire un tavolo ma se non sarà produttivo, sarà il Governo a normare il settore. Quindi non è un cambiamento di strategia, semplicemente dopo aver incontrato i riders, ieri abbiamo incontrato le aziende che si occupano di food delivery ed è emersa, sia dai rappresentanti delle aziende nazionali che internazionali, la disponibilità di avviare un percorso condiviso per la creazione di un contratto per chi lavora nel settore. Il mondo del lavoro cambia e bisogna interpretare e governare i cambiamenti. L’Italia è tra i paesi europei con il maggior numero di “gig workers”. Abbiamo il dovere come Governo di occuparci di questi lavoratori, l’intento dell’esecutivo è quello di far diventare l’Italia il paese europeo con la più avanzata normativa per i lavoratori della Gig economy.

Che tempi avete dato per trovare un’intesa tra rider e aziende del settore?

I tempi saranno stretti, non è mia intenzione aprire un tavolo che duri all’infinito, se c’è la possibilità di chiudere con soddisfazioni delle parti si crea un percorso e si porta avanti. I tempi saranno chiari appena aziende, riders e organizzazioni sindacali si incontreranno al ministero.

Nel “decreto dignità” resteranno dunque le modifiche al Jobs act. Sui contratti a termine, reintrodurrete le causali e ridurrete le proroghe da 5 a 4: non teme una nuova esplosione del contenzioso?

Non credo ci sarà un incremento dei contenziosi, l’idea di fondo è quella di favorire il contratto a tempo indeterminato, ed evitare che ci sia un ricorso indiscriminato ai rinnovi, non è più ammissibile che ci siano contratti di settimane o un mese che vengono rinnovati senza una causalità, ma a discrezione dell’azienda.

Cosa succederà ai rapporti a tempo determinato attualmente in corso: prevedete un periodo transitorio per consentire alle aziende e alla contrattazione di mettersi in regola?

Stiamo valutando la misura migliore che ci consenta di intervenire in maniera adeguata senza stravolgere le attività aziendali e i contratti in essere.

Le correzioni al decreto Poletti si estendono anche alla somministrazione?

Sulla somministrazione stiamo già lavorando ad alcuni strumenti specifici, dal momento che anche in questo caso lo strumento si è prestato ad abusi nel corso degli anni.

La lotta alla precarietà significa soprattutto rendere il contratto a tempo indeterminato più conveniente. Modificherete gli attuali incentivi rivolti a giovani e Sud che, finora, stanno dando risultati modesti?

Se i risultati sono modesti forse questi sgravi non sono stati sufficienti a rendere vantaggioso il contratto a tempo indeterminato, la scelta di essere il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico va proprio nella direzione di adeguare gli incentivi alle imprese legandoli alle assunzioni a tempo indeterminato. Così si riesce a far ripartire il lavoro per i giovani e a creare sviluppo nel Mezzogiorno.

Le politiche attive e i centri per l’impiego restano la grande incompiuta della riforma del 2015. Quante risorse metterete subito in campo dei 2,1 miliardi annunciati e per fare cosa?

Noi stiamo già operando per riformare i Centri per l’impiego e per renderli operativi e in grado di realizzare l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. I Centri per l’impiego saranno il cardine su cui dovrà girare il reddito di cittadinanza, devono essere l’hub su cui si dipanano le politiche per il lavoro.

Sul capitolo delocalizzazioni: imporrete alle imprese che hanno avuto incentivi pubblici e si trasferiscono all’estero di trovare un acquirente che garantisca i livelli occupazionali, o è allo studio un’altra ricetta?

Assumeremo quella che verrà ritenuta la più efficace in termini di contrasto all’utilizzo indebito di risorse pubbliche. Ma resta chiaro l’intento di evitare che dopo aver preso incentivi statali le imprese lascino il nostro paese e abbandonino i lavoratori.

Per l’Ilva pensate ad una proroga della gestione commissariale per dare più tempo alla trattativa con i sindacati e cercare un accordo? Chiederete ad Arcelor Mittal un'integrazione degli impegni sul fronte ambientale?

Ieri è stato avviato il tavolo con le parti sociali ,enti locali e associazioni. Oggi si chiuderanno gli incontri e faremo le opportune valutazioni, rispondere ora sarebbe poco rispettoso per i partecipanti, avendo ben chiara la necessità di salvaguardare contemporaneamente ed in pari misura l’ambiente, i lavoratori e la vita dei cittadini di Taranto.

Un’ultima domanda ministro: sulle pensioni, inserirete la nuova anzianità (quota 100 o 41 anni di anzianità contributiva, ndr) già nella prossima legge di Bilancio insieme alla pensione di cittadinanza?

La volontà di inserire una nuova anzianità è assodata ma sui tempi tecnici ci stiamo lavorando e non posso dire ora a circa due settimane dall’insediamento se entrerà in legge di bilancio o meno. Ma è una priorità ve lo assicuro.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-06-18/parla-maio-piu-incentivi-lavoro-stabile-e-stretta-contratti-termine-214717.shtml?uuid=AEzFsT8E

domenica 17 giugno 2018

Stadio Roma: Lanzalone puntava ad entrare nella vicenda Atac. - Michele Suglia


Luca Lanzalone arriva in Procura, Roma, 15 giugno 2018

A comizio Pomezia cori Onestà! Leader M5s non cita mai Salvini.

                                                                                                                                                                                L'ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, puntava ad ottenere incarichi professionali anche nella vicenda del concordato sul futuro di Atac, la municipalizzata del trasporto capitolino. Dalle carte allegate al procedimento emergono i contatti tra l'avvocato genovese e "tale Carlo" che viene descritto come ""verosimilmente Carlo Felice Giampaolino (advisor legale per il concordato Atac)" . In una intercettazione del 22 maggio "Carlo (Giampaolino) tra l'altro afferma che il ricorso dovrà essere curato da Lanzalone o da un altro professionista con la sua caratura. I due commentano i problemi che potrebbero sorgere nel momento in cui sarà incaricata l'avvocatura del Comune di Roma per seguire le pratiche legali". 
Intanto, in un'intervista al Fatto Quotidiano, il sottosegretario Giorgetti racconta la 'cena segreta' con Parnasi e Lanzalone: 'Parnasi lo conosco da 15 anni, eravamo vicini di casa. La cosiddetta cena segreta era un aperitivo... Lanzalone si è presentato come presidente di Acea, ha lasciato intendere che fosse stato l'avvocato di Grillo. Comunque loro non sono mai entrati nel confronto tra noi e i 5stelle'. 
E sull'inchiesta relativa allo Stadio di Roma, il vicepremier Luigi Di Maio risponde velocemente ai cronisti lungo i pochi metri che lo portano al palco di piazza Indipendenza a Pomezia, cittadina a sud di Roma, dove il 24 giugno i 5S si giocano (di nuovo) il Comune al ballottaggio:  "Un grande equivoco, è tutto un malinteso". Sette parole per interrompere il silenzio sull'inchiesta in corso sullo stadio di Roma che ha gettato un'ombra sul M5S, al governo da quindici giorni insieme alla Lega. Di Maio ha aggiunto di essere tranquillo. Sul palco ha spostato l'attenzione su quello che farà: non solo lui come doppio ministro ("Il decreto di dignità si farà subito, non c'è più tempo da aspettare") ma anche i suoi colleghi Fraccaro e il presidente della Camera Fico. "La prossima settimana ci sarà il taglio dei vitalizi agli ex parlamentari", assicura. Puntuale dal pubblico è arrivato l'applauso. Ma dallo stesso, a fine comizio un gruppetto ha urlato anche "Onestà onestà!". Un coro che è nel dna del movimento fondato da Grillo, ed è lo stesso gridato in Campidoglio contro l'allora sindaco Ignazio Marino. Ma oggi l'onestà potrebbe essere contestata ai 5 Stelle. Non vede nessun collegamento tra i cori e l'inchiesta romana, il candidato al Comune Adriano Zuccalà: "Sì, li ho sentiti, ero sul palco ma non è niente di diverso dal nostro solito coro. Semmai è un rafforzativo di quello che era stato detto prima", chiude il discorso. Inoltre nel giorno in cui Le Monde 'sminuisce' Di Maio contro "il tornado Salvini", il vicepremier più giovane non cita mai l'altro collega di governo. Pur parlando di immigrazione, ad esempio, tutte le parole di Di Maio sono per il premier Conte per il no detto al decreto Dublino ("La Germania ci è venuta dietro") o per l'esponente del suo partito, il ministro alle infrastrutture Danilo Toninelli e per l'aiuto offerto comunque alle donne incinte e ai bambini a bordo dell'Aquarius. Niente invece su Salvini e sul suo no all'attracco della nave Aquarius. Eppure Di Maio ha invitato gli elettori a dire no. "A volte basta dire no, un po' di no per ottenere un po' di sì per gli italiani anche a livello europeo", ha spronato.
Salvini, Lega serena, governo non deciso a cena  - "Come Lega siamo sereni, il Governo l'abbiamo deciso altrove non a cena. La responsabilità me la prendo io e Luigi Di Maio". Così il ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini torna sul caso dello stadio di Roma questa sera a Ivrea, a margine di un incontro elettorale in vista del ballottaggio del 24 giugno.

Stadio della Roma, la “lista” di Parnasi: soldi a Forza Italia, Pd e Leu. “Domani vedo i Cinque Stelle, pago pure a loro”. - Vincenzo Bisbiglia

Stadio della Roma, la “lista” di Parnasi: soldi a Forza Italia, Pd e Leu. “Domani vedo i Cinque Stelle, pago pure a loro”

Non c'è solo la cena con Giorgetti e Lanzalone, coperta da tre pagine di "omissis", nell'informativa dei carabinieri. L'imprenditore fa i nomi dei politici finanziati (tutti non indagati) alla vigilia delle elezioni politiche e regionali: Ferro, Mancini e Minnucci del Pd, Riccardo Agostini (Leu), Polverini e Giro (Fi), Ciocchetti (Nci) e Buonasorte (Lista Pirozzi).


Una cena con Luca Lanzalone e Giancarlo Giorgetti, neo sottosegretario della Lega e in odore di premiership per tanti giorni. Una “lista” di politici – locali e non – saldati e da saldare, finanziamenti anche di piccole entità che gli inquirenti non specificano siano leciti o illeciti. Un tentativo di ingraziarsi Roberta Lombardi candidata M5S alla Regione Lazio “che magari non vince ma ci può essere utile sul nazionale”. E poi il finanziamento “illecito” di 25.000 euro al forzista Adriano Palozzi per lo sblocco dell’affaire Eurosystem e quello presunto, e non specificato all’indagato (anche lui azzurro) Davide Bordoni. Il rapporto fra Luca Parnasi e la politica è profondo e costante e lo dimostrano anche i brogliacci tratti dall’informativa che i carabinieri hanno consegnato nelle mani del pm Paolo Ielo.

L’INCONTRO CON GIORGETTI E GLI “OMISSIS” –Lanzalone, Giorgetti (non indagato) e Parnasi si vedono in serata a casa del costruttore. Si sa molto poco di questo incontro, perché nell’informativa trapelata appaiono ben tre pagine di “omissis”. “Dal tenore della conversazione si evince che tale incontro deve rimanere riservato”, scrivono i militari. Si sa però quello che accade dopo, intorno alle 22.40, quando Lanzalone e Parnasi restano soli: “Io vedo Luigi tutti i giorni – dice il presidente Acea – lo sento tre volte al giorno, l’ho visto due ore fa”. E ancora: “Lo risento domani mattina però in giro non lo dico perché per la cosa che fai…”. Il manager insiste: “Luigi è un po’ come Salvini, cioè molto chiuso il cerchio, io due tre persone e punto”. Non è chiaro dalle carte chi sia il “Luigi” di cui parla Lanzalone e che viene paragonato a Salvini. Possibile che sia Di Maio? Sicuramente qualcuno del M5S, dato che poi Parnasi ricambia con contatti nella Lega: “Se hai bisogno tieni conto che io parlo direttamente con Matteo (Salvini) ma in questo momento con Giancarlo (Giorgetti)”. Va ricordato che una fondazione vicina alla Lega era stata, negli anni scorsi, finanziata con 250.000 euro da Parnasi e che Salvini ha ammesso pubblicamente di conoscere il costruttore romano e di considerarlo fino a quel momento “una persona perbene”.

LA LISTA DI PARNASI – Come ricordava egli stessi in un’intercettazione, Parnasi però aveva una lista di tutti i politici. Cognomi e cifre vengono fatti durante una riunione con il suo staff, anche se non è chiara la natura di questi finanziamenti. Siamo alla vigilia delle elezioni politiche e alle contestuali regionali e il costruttore si prepara a dare un contributo a diversi esponenti. La lista dettata alla segretaria: Andrea Ferro (Pd), 5.000 euro; Emiliano Minnucci (Pd), 5.000 euro; Riccardo Agostini(Leu), 15.000 euro; Giulio Mancini (Pd), 5.000 euro; Renata Polverini (Fi), 10.000 euro. E ancora: Francesco Giro (Fi), 5.000 euro; Luciano Ciocchetti (Nci), 10.000 euro; Roberto Buonasorte (Lista Pirozzi), 5.000 euro. E poi ci sono i 25.000 euro alla Pixie Social Media di Adriano Palozzi. E ancora: “Con Forza Italia c’hai parlato? Sì… Fratelli d’Italia?” e l’interlocutore che risponde: “Già fatto, è arrivato all’amministratore, io l’ho controllato”. Poi riparte Parnasi: “Il Pd lo incontro domani”. A parte Palozzi (arrestato), va specificato che gli altri esponenti politici finanziati presenti in lista non sono indagati.
“PAGO PURE I 5 STELLE” – A completare l’arco costituzionale mancherebbero i 5 Stelle, ma Parnasi dice a un suo collaboratore: “Domani c’ho un altro meeting dei Cinque Stelle, perché pure a loro gliel’ho dovuti dare eh, mica che… ci sta l’amico tuo adesso, gliel’ho detto di quell’operazione”. Sulla vicenda stadio, in particolare, Parnasi chiede ai suoi: “Volete che faccia qualche altro passaggio politico? Visto che sto sostenendo tutti quanti. Poi vediamo Marcello De Vito, vediamo Ferrara, serve che faccio qualcosa? Avviso Lanzalone”. Poi si lascia andare: “Se c’avessimo tutto approvato, nessuno più a rompere i coglioni. Potrei pure fare il fuggiasco, alla fine”. Marcello De Vito non risulta indagato.

L’AIUTO ALLA CAMPAGNA DI LOMBARDI – Che Parnasi abbia “promosso” in qualche modo la campagna elettorale in Regione di Roberta Lombardi era già emerso nell’ordinanza fatta eseguire dal gip. Parnasi – scrive il giudice “avvia , come già anticipato, un’attività di promozione in favore del canditato Cinque Stelle alla Regione Roberta Lombardi. In tal modo egli, infatti, rafforza i suoi legami con Ferrara e con Marcello De Vito che gli hanno avanzato tale richiesta e che, in quanto ricoprono rilevanti incarichi nell’ambito dell’ amministrazione capitolina , svolgono un ben preciso ruolo nell’ approvazione del progetto dello stadio , e crea i presupposti per lo sviluppo di ulteriori progetti imprenditoriali , essendo la Lombardi, oltre che candidata alla Regione, personaggio di spicco dei Cinque Stelle a livello nazionale e quindi destinata, in ipotesi di un successo elettorale di tale compagine nelle elezioni politiche, a ricoprire ruoli decisionali nel nuovo assetto che si determinerà all’ esito del voto”. Dall’informativa però spuntano ulteriori dettagli. Giulio Mengosi, in qualità di responsabile comunicazione di Eurnova, dice a tale Fabio che il capogruppo capitolino Paolo Ferrara e il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito (non risulta indagato) “mi hanno chiesto di aiutare la Lombardi, non lei direttamente perché neanche la conosco, ma con tutti i miei contatti sono a disposizione di tutti, sono un professionista”. Insomma, come la definiscono i militari, “un’attività di promozione in favore del candidato attivando canali da lui conosciuti”. Mangosi entra così in contatto con giornalisti romani (e non solo) ai quali prova a proporre interviste a Roberta Lombardi, aiutando di fatto il suo ufficio stampa. L’attuale consigliera pentastellata non è indagata. E dice: “Ho incontrato Luca Parnasi una sola volta alla Camera dei deputati, dove ho preteso che avvenisse l’incontro in modo che fosse registrata la presenza di questa persona, visto che istituzionalmente ogni giorno incontro le persone più varie. Mi ha parlato dello stadio della Roma, dei suoi progetti futuri imprenditoriali e della sua attività. Poi non c’è mai stato alcun contatto ulteriore, nessun seguito, nessun fattivo contributo”.